Food Poison

Piccolo e pericoloso. Stronzo e bastardo. E’ il virus che venerdi’ scorso ha causato la mia intossicazione alimentare a New York. Difficile stabilire dove fosse. In quale cibo, in quale piatto, in quale posto, nelle mani di chi.

Mi ha causato un dolore atroce; e non voglio rendervi partecipi delle conseguenze gastrointerinali. Un’ambulanza e’ venuta a prendermi. All’ospedale Saint Louix, con molta calma e dopo aver visionato la mia assicurazione, si sono presi cura anche di me. Una flebo mi ha rinsavito.

Lo sapevo. Il mio personale tour degli ospedali “Riuniti” non poteva non toccare anche New York. Per fortuna quasta volta non e’ stato un shock anafilattico.

E dire che sono stato attento. Ho mangiato “organico”, salutare. Ho evitato le ciambelle di Homer Simposn e i salami di Benny Hill. Ho manigato spesso frutta, verdura e sushi.

C’e’ da dire che parte del popolo americano e’ ossessionata dal cibo. Dal cibo grasso e speziato e dai litri di bevande gassate. Ciccioni per scelta!

E tu bastardo di un virus, cosa volevi da me?

Annunci

10 commenti

Archiviato in Senza Categoria

10 risposte a “Food Poison

  1. stefano

    vedi, grazie ad un virus (forse eredità del ricircolo d’aria condizionata dell’aereo) dopo una flebo e tanta cortesia, hai scoperto cosa significa sedersi ad una sedia in pelle davanti ad una segretaria che con una calcolatrice ti chiede 320 dollari sull’unghia. Questi calcoli si fanno anche qui in Italia, solo che molto spesso non ci facciamo caso

  2. Capo

    Stefano ha perfettamente ragione.
    Quanto alla tua domanda, a nome del virus rispondo: niente di particolare, volevo solo che mi facessi un pò di compagnia visto che in questo ultimo periodo mi avevi lasciato solo 😀
    riprenditi mariù, alla prossima
    l’avvocato dei virus detto Capo

  3. Non sarà poi così male la sanità americana quindi.

  4. annag

    bè? non avevi detto che volevi provarle tutte a new york? contaminato d’americanità fino alle viscere(è proprio il caso di dirlo) ! l’importante è che ora stai bene. un bacio

  5. antony

    era bona l’infermiera almeno?

  6. mario

    Beh, la sanita’ americana non e’ proprio ottima enzo. ti assicuro che ho atteso a lungo e, nonostante abbia pagato, ho dovuto farmi sentire per essere curato.
    L’infermiera non era bona, anto’, pero’ e’ stata gentile.

  7. diciamo che hai provato questa esperienza? diciamolo
    tra gli alimenti che hai elencato a me fa paura il suchi…non chiedermi perchè, forse è il pesce crudo che non mi attira
    si stà sempre attenti in tutto, ma mille occhi non bastano mai 🙂

  8. valerio

    ei truvàt pur u temb d’ t’ cacà ngoll….ma t voi r’cogl o no…?!?

  9. Rocco

    Conosco un medico a New York…………….

  10. Che assicurazione avevi?!
    Si è svelato l’arcano: gli americano mangiano schifezze per evitare i virus che si insidiano nel cibo “sano”!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...