Il cambiamento in testa

foto-veltroni3189_img.jpg

Beh, nonostante ciò che si pensasse, pare che Obama sia intesta. Ha conquistato la maggioranza in più Stati di Hillary (13 a 8) e poi, cosa più importante, pare che sia in testa anche nell’attribuzione dei delegati all’assemblea per la candidatura. Dovrebbe arrivare a 845 contro gli 836 della Clinton.

Buone notizie. E’ incredibile come quest’onda emotiva arrivi anche in Europa. E’ vero, la cultura americana è egemone; magari ci basta vedere George Clooney e Scarlett Johnsson dire che Obama è il cambiamento per credere in lui. Però, pare che in America qualcosa si sia messo in moto. A cena, nelle famiglie democratiche, è vietato parlare di Obama e Hillary per evitare litici fratricidi!

C’è una nuova passione civica. Certo, alla fine, però, andrà a votare solo il 50% della popolazione. Ma qualcosa nell’aria si muove.

E Walter? Anche lui dice “Yes, we can”. Correrà da solo, si attornierà di gente nuova. Emozionerà con concretezza. Perderà, ma sono sicuro che saprà suscitare entusiasmo.

Ci farà vedere che la battaglia politica dura una vita e non si ferma a un solo scontro.

Parlerà un linguaggio nuovo. Sa usare i media. Solo contro tutti, ma sarà una bella gara.

Walter? Yes, we can!

Annunci

2 commenti

Archiviato in Senza Categoria

2 risposte a “Il cambiamento in testa

  1. Dajeee Walterèèèè—– (maddai)

  2. Capo

    sì, se pò ffà…. basta pijà i voti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...