Bollenti spiriti

mare.jpg

“Bollenti spiriti” è un programma con il quale la regione Puglia finanzia progetti “creativi” presentati da giovani. Cosa s’intende per progetti creativi? Attività culturali, spazi aggregativi e ricreativi. Ad esempio, grazie a questi sostegni,  un’ex pretura sarà riqualificata per diventare un centro di produzione musicale. Un convento diventerà mediateca e caffè letterario; un mattatoio sarà trasforamato in web bar. E poi ci sono tante altre e diverse iniziative, come spazi per i teatri, la musica, l’architettura.

A cosa serve questa notizia? A farci pensare che esiste un’economia della cultura. Che è un settore in espansione. Cresce, infatti, il bisogno ricreativo e formativo delle gente, come la richiesta di altri servizi. Molti sentono un bisogno di tempo libero di qualità e questa diventa una carta spendibile soprattutto in chiave turistica. La Spagna ha rilanciato il turismo con una politica di prezzi bassi e una seria programmazione di eventi. E poi c’è l’esempio di Roma che su mostre, eventi e festival costruisce gran parte della sua economia.

La creatività è l’elemento più forte della gioventù. Forse noi giovani dovremmo cominciare a metterci in proprio, anzichè contentarci di un posto (quasi mai) fisso.

L’economia culturale non è un’economia del cazzeggio. E’ un settore che generea valore economico e sociale. Ha i suoi posti di lavoro, un suo indotto. E’ ora che l’Italia torni a scommettere sul turimo, sui suoi giovani e sulla loro creatività.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Senza Categoria

2 risposte a “Bollenti spiriti

  1. Peppuzzo

    Tornando al discorso sul futuro dei giovani (di noi) di qualche post, forse è proprio questo uno dei settori su cui si può scommettere di più. Magari anche con un sostegno istituzionale come “Bollenti spiriti”, perchè immagino possa essere interessante cercare di far tesoro del bagaglio acquisito all’università, sia per ragioni di studio che di passione individuale, e riverberarlo da noi. Senza snobismi nè superomismi!

  2. Mario, mi ha detto il mio coinquilino di Gravina che questo progetto è andato a puttane per via dei divergenti significati attribuiti alla parola CREATIVITA’ tra il Governatore pugliese, gli enti pubblici e associazioni cultirali, anche grazie alla proverbiale mania del SUD di accaparrarsi le risorse (i soldi sono arrivati) senza farle fruttare come si deve, ma intascandosele e basta! Cià!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...